Un esperimento perfettamente riuscito. Così può essere sintetizzato il progetto “Zen e non solo“, voluto dall’Istituto Comprensivo 2° Polo di Galatina e dallo stesso realizzato mediante i Fondi Strutturali Europei PON 2014-2020 nelle proprie sedi scolastiche di Galatina e di Noha.

Un’idea innovativa, resa possibile dalla lungimiranza della Dirigente Scolastica Eleonora Longo e dalle insegnanti Alessandra Igini e Paola Onesimo, le quali hanno visto nel Kung Fu uno strumento di cultura, utilissimo ad instillare nei giovanissimi scolari i valori del rispetto di sé e degli altri, ed a potenziare in essi autostima e concentrazione, oltre che naturalmente a corroborarne le doti atletiche.

Fondamentale nella concretizzazione del progetto è stato il M° Antonio Buono, Direttore Sportivo della ASD Polisportiva Zen Shin di Galatina, che da oltre 30 anni si occupa dell’insegnamento del Kung Fu a giovani e giovanissimi. E proprio il M° Buono si è detto particolarmente soddisfatto – non soltanto per l’esito del progetto, ma soprattutto – per l’apertura della scuola al mondo del Kung Fu che è, prima di ogni altra cosa, “cultura” nel senso più alto e nobile del termine.

ViRus

SHARE
Previous article“Salento sport e vita”: a Galatina una festa di sport e solidarietà
Next articleIncontro di Approfondimento
Vincenzo Russo
Vincenzo Russo è avvocato del Foro di Lecce e dottorando di Filosofia del Diritto presso l'Università degli Studi di Genova. Esperto di progettazione su bandi e avvisi pubblici destinati alla concessione di contributi a fondo perduto per enti pubblici e privati, collabora con l'ASD Polisportiva Zen Shin in qualità di consulente legale e articolista, ricoprendo altresì la carica di segretario.